Attendere prego

Home Page > Fine Vita > Le Iene, DJ Fabo e la propaganda
iene_propaganda

Sulla questione del biotestamento, come su altri temi etici su cui si è discusso e si discute in Parlamento, la vera battaglia, si sa, non si combatte in aula ma in TV, sui social media e, in generale, con gli strumenti di propaganda tipici dei totalitarismi di inizi ‘900, ma in chiave “democratica”.

In modo più o meno compiacente, diverse trasmissioni televisive di servizio pubblico, nate per altro scopo, orientano i loro programmi e i loro servizi per favorire l’instaurarsi di una certa mentalità popolare, scardinando le certezze e insinuando dubbi al fine di ricodificare l’ovvio come assurdo e l’assurdo come indice di progresso. E’ già successo con la legge sui “matrimoni” gay, al secolo “unioni civili”,  e la storia si è ripetuta, neanche a dirlo, per la legge sulle DAT, appena approvata al senato.

La trasmissione televisiva “Le Iene”, nata come trasmissione di servizio per la denuncia di soprusi e già per questo ben vista da un vasto pubblico, ha approfittato della sua posizione di “difensore dei diritti del popolo” per caldeggiare tutte le più recenti battaglie di matrice radicale, dai matrimoni gay all’eutanasia.

Sulla morte di Stato si erano già scatenate polemiche non indifferenti nel corso di un servizio intitolato “così muore un italiano”  in cui, oltre a tentare di sdoganare l’eutanasia, le “iene” avevano “sciacallato” anche sul suicidio assistito in Svizzera di una signora anziana, all’apparenza in perfetta salute: una pillola accompagnata da un bicchiere d’acqua, un mazzo di fiori consegnato anzitempo e un sonno da cui la signora non si sarebbe mai più svegliata, il tutto condito dalla “amorevole cura” del boia del terzo millennio e ripreso minuto per minuto. Un servizio da far accapponare la pelle.

Qualche mese fa, poco prima della discussione della legge sul biotestamento alla camera, un nuovo intervento a gamba tesa: una intervista a DJ Fabo e alla sua compagna, un appello all’approvazione della legge, al nobile fine di evitare uno scomodo ultimo viaggio in Svizzera. Non si è indugiato neppure a mostrare a tutti una crisi respiratoria del ragazzo, in linea con il discutibile gusto che caratterizza alcuni servizi di questa trasmissione.

Eppure, nel momento clou, alla domanda “sei sicuro? perché vuoi farlo?” e di fronte alla risposta “perché la mia vita è diventata insopportabile”, anche l’intervistatore si arrende. Non può offrire quelle ovvie parole di conforto e di speranza che la natura umana ha in serbo per queste circostanze, perché vanificherebbe il fine del servizio; ma non se la sente di aggiungere più nulla, perché, evidentemente, persino alla “iena” è parso inopportuna l’esplicita approvazione di un suicidio, l’ammissione dell’assenza di valore di una vita umana al cospetto dell’interessato.

Simile epilogo toccò alla iena Viviani, dopo il colloquio con il paziente terminale, che, con rassegnazione e pacatezza, descriveva la propria condizione, considerandola quasi normale, una esperienza di vita, anche se molto probabilmente l’ultima. Significativo fu forse in questo caso anche il colloquio con l’infermiere di un hospital di lungodegenza, che spiegò chiaramente che il supporto al malato non deve concludersi con l’acuirsi della malattia, anzi, e che il fine vita richiede una gestione discreta e vissuta nell’ambito del rapporto di fiducia che deve crearsi fra medici, pazienti e parenti e non certo attraverso leggi da applicare meccanicamente su aspetti così delicati e soggettivi nella vita (e nella morte) dei malati.

L’ultima puntata andata in onda qualche giorno fa mostra invece l’altro lato di questa medaglia, quello di chi fomenta le coscienze, nel pieno disprezzo della legge corrente e persino di quella appena approvata. Nel corso del processo al radicale Marco Cappato, accusato di “istigazione al suicidio”, crimine di cui peraltro è orgoglioso reo confesso, è stata mostrata in aula la versione integrale dell’intervista delle iene. Anche Giulio Golia è stato chiamato a testimoniare. Un’evidente farsa nella quale non si capisce quale valore aggiunto abbia l’intervista, dal momento che nulla aggiunge e nulla toglie al fatto che Cappato abbia accompagnato DJ Fabo a morire, commettendo un reato. Lo stesso Cappato, chiamato a testimoniare, ha ammesso di aver ricevuto oltre 400 contatti di persone che chiedevano informazioni sulla procedura da seguire; insomma, una “istigazione al suicidio” seriale, su cui siamo tutti curiosi di ascoltare il giudizio e, soprattutto, le motivazioni.

Ma anche in questo caso, la sapiente “regia”, è proprio il caso di dirlo, è riuscita a spostare il centro della discussione da un ambito strettamente giuridico (la conferma o la smentita del chiaro capo d’accusa) ad un piano ideologico, sfruttando l’emotività suscitata da una intervista in cui l’unica cosa palese era la disperazione, il vuoto e la solitudine di un ragazzo che non riusciva più ad accettare se stesso.  Nulla, dunque, che andrebbe curato assecondando le richieste del malato, come decenni di psicologia dovrebbero averci insegnato.

Le scene dell’intervista sono state montate ad hoc, intervallandole con primissimi piani sugli occhi lucidi dei parenti, lo sguardo tutto sommato accondiscendente del giudice, gli abbracci fra la iena e la famiglia, tutti atti in sé certamente spontanei, ma strumentalizzati per trasformare Cappato in un martire.

La iena, al termine del video, ha detto che questa esperienza lo ha scosso profondamente. Non ci è dato sapere in che senso, né quali siano le conclusioni a cui è giunto. Abbiamo la conferma però che la questione del fine vita non può essere gestita in maniera superficiale, per raccattare qualche voto. Insomma non ci si può speculare sopra. Neppure le “iene” ci riescono.

E resta l’amara constatazione che trapela da tutto il servizio: se nessuno avesse mai propagandato la legittimazione della soppressione di un essere umano (a queste parole, orrendi ricordi riecheggiano probabilmente nella mente di molti), oggi DJ Fabo sarebbe ancora vivo e con un’adeguato percorso psicologico e affettivo probabilmente avrebbe superato la depressione e avrebbe trovato un senso alla sua nuova condizione, come miliardi di persone prima di lui, come dovrebbe fare ciascuno di noi.

Giuseppe Fortuna


FIRMA ANCHE TU

Per la salute delle donne:

per un’informazione veritiera sulle conseguenze fisiche e psichiche dell’ aborto 

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

5 Commenti, RSS

  • little angel

    dice su:
    22/12/2017 alle 10:47

    Allora perché nessuno gli ha dato il sostegno psicologico ? era da tanto che era malato e , escludendo l’amore dei parenti e della sua ragazza , nessuno si è alzato per aiutarlo in questo aspetto . Dopotutto , non tutti sono per l’eutanasia , e avrebbero dovuto aiutarlo , o mi sbaglio ?

  • little angel

    dice su:
    22/12/2017 alle 10:49

    E , se nonostante tutto il sostegno, non avesse ancora accettato il suo stato , che cosa si sarebbe dovuto fare ?

    • Teresa Moro

      dice su:
      22/12/2017 alle 15:00

      Non sappiamo che aiuto gli sia stato dato, e se gli sia stato dato.
      Inoltre c’è una differenza sostanziale tra un sostegno dato da persone cui si è legati affettivamente e quello che può dare una persona impegnata professionalmente nelle relazioni di aiuto.

      Per la sua seconda domanda, il fatto che una persona non riesca ad accettare il suo stato, non è un buon motivo per ucciderla. Il perché lo può comprendere facendo paragoni con altre questioni.

  • Lara Gallins

    dice su:
    23/12/2017 alle 14:15

    Credo fermamente (ma non solo io…ci sono studi accennati in un bel libretto di Gandolfini sul fine vita che indagano questo aspetto e che portano risultati in questa direzione) che se una persona si sente profondamente amata, se sente che per chi la cura e la accudisce non è un peso ma un bene prezioso e se sente che non vale perché produce o è efficiente ma semplicemente perché esiste ed è la persona che è, non sceglie la morte volontaria. Condivido la posizione di Gandolfini che se esistono questi aspetti di maturità psicologica e umana la persona desidera continuare a vivere…e questa opinione che ho è convalidata da esperienze che ho visto e vissuto. Sereno Natale a tutti voi amici di pro-vita!

  • Lara Gallina

    dice su:
    23/12/2017 alle 14:18

    Il libretto di Gandolfini, Romano e Vinsi si intitola Non resistere non desistere ed. Rubettino

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati