Attendere prego

Home Page > Notizie dall’Italia > Notizie ProVita di Giugno: la legge ingiusta non è una legge
Notizie-ProVita_giugno_legge naturale

Il numero di giugno del nostro mensile, Notizie ProVita, è dedicato alla legge naturale.

La legge ingiusta non è legge: lo dicevano gli antichi, anche 4 secoli prima di Cristo.

Nel lavoro di formazione e di informazione che ProVita si prefigge di fare, è essenziale conoscere un poco di “filosofia del diritto”.

Si insegna, infatti, che una delle caratteristiche essenziali della norma giuridica è la “positività” (dal latino positum): cioè è “posta” da chi ha il potere, quindi dallo Stato. Il diritto positivo si distingue (ma dovrebbe adeguarvisi) dal diritto naturale, cioè l’insieme delle regole eterne, fisse e immutabili, scritte nella natura umana.

BludentalSono regole che esistevano nella preistoria e che sussistono fino ad oggi, come per esempio “non uccidere” o “non rubare” cui corrispondono i diritti naturali alla vita e alla proprietà.

La progressiva secolarizzazione della civiltà, nell’Ottocento, ha portato alla prevalenza della concezione “positivista” del diritto: la legge è solo quella statuale. Quindi la legge è relativa al tempo, ai luoghi e alle persone che la promulgano. Il diritto naturale è relegato nel campo della morale, non conta.

E così, a poco a poco, l’uomo ha pensato di potersi appropriare di ciò che è giusto e di ciò che è bene, a sua totale discrezione. Il dittatore si manifesta apertamente in tal senso. Invece lo Stato democratico tende a celarsi dietro l’alibi del principio maggioritario e vuole far passare per giusto e bene tutto quello che la “democrazia” vuole.  In tutti e due i casi si assiste alla costruzione di un sistema totalitario, dove lo “Stato etico” pretende di decidere per legge ciò che è bene e ciò che è male: la legge positiva prescinde dalla legge naturale.

Nella cultura relativista dell’Occidente divorzio, aborto, droga, eutanasia, “matrimonio” gay, sono legalizzati da norme positive che pretendono di creare nuovi “diritti” che vogliono far credere si trovino tra quei diritti inviolabili dell’art.2 Cost.

Per quanto gli uomini si diano da fare, però, i diritti naturali non sono modificabili: sono sempre lì, scritti nel cuore dell’uomo. Non c’è “Dichiarazione Universale” che tenga. E il diritto naturale insegna che la legge ingiusta non deve essere rispettata: la disobbedienza civile e l’obiezione di coscienza, esistono da sempre, ai tempi di Antigone, come ai giorni nostri, in cui la gente perde il lavoro o la libertà pur di non adeguarsi a leggi assassine e contro natura.

Bisogna riflettere con buon senso e razionalità. Non lasciarsi influenzare dalle mode e dalla propaganda. Le leggi contro natura non sono leggi. E con la forza della Verità e del Bene ciascuno di noi può continuare a combattere la buona battaglia per la Vita e per la Famiglia, con la certezza che il male, alla fine, divorerà se stesso.

Se queste riflessioni vi sono sembrate interessanti, bisogna che tutti vi abboniate alla nostra rivista!

 Antonio Brandi

 

Sostieni Pro Vita
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Cesare Ciancianaini

    dice su:
    09/06/2015 alle 12:52

    Grazie per semplice commento. A proposito di democrazia, una piccola osservazione da insegnante di matematica ( ora in pensione) : poniamo che in una tornata elettorale ci sia il 50% di astenuti, perché chi ha ottenuto il 20% deve gongolarsi quando ha solo il 10% dei suffragi? Perché chi governa con il 40% ( 20% reale) deve imporre leggi assurde e norme burocratiche contorte sulle spalle di quell’ 80% di cittadini che non lo ha votato, visto che ha la maggioranza in un organo parlamentare, ma non nel paese? Questa non è più democrazia ma oligarchia!! Il problema è che tanto hanno fatto e tanto detto che la maggior parte dei cittadini si è stufata della politica e in questo modo lascia campo libero ai “professionisti” sostenuti dai gruppi di potere. E quando i cittadini si riappropriano del diritto di manifestare la propria contrarietà, vengono ostacolati in modo vergognoso ( es Sentinelle in piedi ) , perché potrebbero ridestare la gente dall’anestesia politica.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati