Attendere prego

Home Page > Fine Vita > Nuovo caso di eutanasia nel veronese
eutanasia_suicidio-assistito

La legge sul biotestamento apre all’eutanasia: lo avevamo denunciato mentre veniva discusso il ddl e ora la realtà ci sta – tristemente – dando ragione.

Giovanni Francesco Carmagnani, 75 anni, ex consigliere comunale di Legnago, provincia di Verona, è un altro paziente che ha deciso di mettere fine alla propria vita. L’ha potuto fare “grazie” alla legge sul biotestamento.

Riportando la notizia, il giornale L’Arena non trova di meglio che fare questo commento, spiegando le figlie di Carmagnani hanno deciso di rendere pubblica la notizia «proprio per sensibilizzare l’opinione pubblica su un argomento delicato e importante, oltre che di estrema attualità, come quello del testamento biologico e del diritto del paziente all’abbandono delle terapie fino alla sedazione profonda continuata». Racconta Sabrina Carmagnani al quotidiano veronese: «Se io e mia sorella siamo riuscite ad aiutare papà ad andarsene come da tempo lui chiedeva, lo dobbiamo all’Associazione Luca Coscioni, impegnata da anni sui temi del fine vita, ed al suo tesoriere Marco Cappato [che sta lavorando per l’eutanasia legale in Italia, ndR]».

Il problema della Dat è stato risolto, facendo arrivare un impiegato del Comune nella casa di riposo (dove era ricoverato l’ex consigliere comunale). Poi, sospesi tutti i trattamenti, l’anziano uomo è stato sottoposto alla sedazione profonda continuativa e «in due ore e mezzo se ne è andato».

Che grande tristezza, commentiamo noi di ProVita.


FIRMA ANCHE TU

Per la salute delle donne:

per un’informazione veritiera sulle conseguenze fisiche e psichiche dell’ aborto 

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Sabrina Carmagnani

    dice su:
    19/02/2018 alle 10:55

    Ritengo opportuno chiarire che i trattamenti sono stati sospesi dopo che la sedazione era iniziata e non prima! Non è eutanasia dare alle persone la possibilità di morire con dignità!!! La sedazione è stata decisa dal medico palliativista in quanto, essendo mio padre già molto vicino alla sua fine, gli è stata data la possibilità di morire senza la sofferenza che la sua malattia gli avrebbe causato.

    In fede,

    Sabrina Carmagnani.

    • Redazione

      dice su:
      19/02/2018 alle 15:03

      Gentile signora,

      ciò che lei dice è molto importante. E se è vero – e non ho ragione di dubitarne – allora non c’entra nulla non solo l’eutanasia, ma neanche la legge sulle DAT: suo papà stava morendo, la morte non è stata accelerata o causata dalla sospensione delle cure, suo padre è stato addormentato per far sì che il trapasso non fosse inutilmente doloroso: come in questo caso qui: https://www.notizieprovita.it/notizie-dallitalia/eutanasia-a-treviso-no-male-fede-dei-media/
      Questa è palliazione terminale. Questa era possibile anche senza legge sulle DAT.

      Ma i giornali hanno scritto ben altro.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati