Attendere prego

Home Page > Notizie dall’Italia > Unioni civili approvate: in Italia inizia la dittatura LGBT
gender, totalitarismo, dittatura,

Le unioni civili, ovvero gli pseudo-matrimoni gay, sono state definitivamente approvate dal Parlamento.

Con il voto alla Camera di ieri, l’Italia, ultimo baluardo del buon senso nell’Europa cosiddetta moderna e progredita, ha ceduto davanti alla totalitaria lobby gay.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che non ha lasciato spazio ad alcun dibattito imponendo con forza ed arroganza il voto di fiducia, ha scritto che quella di ieri è stata una giornata di festa.

Il mondo LGBT in effetti esulta in piazza e ringrazia il governo.

Hanno vinto. Sì, hanno vinto. E dunque fanno bene a festeggiare.

Hanno vinto perché il Partito Democratico governa dittatorialmente il Paese, usando ed abusando del suo potere per fare dell’Italia tutto ciò che vuole.

Hanno vinto perché molti politici sedicenti cattolici, quelli centristi e di Ncd in particolare, salvo lodevoli eccezioni come gli onorevoli Binetti e Pagano, hanno tradito quella che sostenevano essere la loro identità. Per questo Alfano è molto peggio di Renzi. La sinistra fa il suo sporco lavoro. Ma Alfano, Lupi e compagni di merende hanno platealmente preferito il seggio parlamentare ai valori. E, come se ciò non bastasse, hanno la faccia tosta di decantare il loro successo, perché la legge approvata non introdurrebbe il “matrimonio” gay e non prevede la stepchild adoption. Eppure sanno bene (loro e gli italiani) che così non è e che le adozioni arriveranno presto. Ormai non ci sono più parole per esprimere il ribrezzo che proviamo di fronte a questi loschi figuri, che – ne stiano certi – saranno spazzati via e comunque, visto che si dichiarano credenti, prima o poi dovranno certamente vedersela con l’Onnipotente.

Renzi_unioni civili_omogenitorialità

Ride bene chi ride ultimo…

Gli LGBT hanno vinto anche perché l’opposizione in Parlamento, se escludiamo buone prese di posizione soprattutto di singoli (tra questi Lucio Malan, Carlo Giovanardi, Eugenia Roccella, Massimiliano Fedriga ed altri), non si è ben organizzata ed è stata in fondo poco convinta della battaglia da fare. Se tutti i discorsi dei presunti difensori della famiglia iniziano col precisare che comunque ci vogliono i diritti (quali?) e che il rapporto omosessuale tutto sommato è bello, allora non è difficile capire perché Renzi ha imposto la sua linea.

Ma l’omosessualismo ha vinto soprattutto perché chi doveva parlare non l’ha fatto. Sarebbero bastate due paroline, un invito alla mobilitazione, e probabilmente il “ducetto” di Firenze avrebbe preso paura. Poi per carità, magari avremmo perso lo stesso, ma almeno con onore, sapendo di aver compiuto il nostro dovere e tutto quanto era nelle nostre possibilità. E invece no. Chi doveva parlare ha fatto il vago, ha preferito non immischiarsi e addirittura ha ostacolato i valorosi del Family day, trattandoli con assoluta freddezza. I fatti stanno lì a dimostrarlo.

Eppure qui c’è in gioco il nostro futuro. C’è in gioco l’essenza stessa della nostra civiltà umana.

L’11 maggio 2016 non lo ricorderemo come un giorno di festa, ma come un giorno di lutto e di catastrofe, così come è avvenuto per il divorzio e l’aborto. Hanno vinto. Sì, hanno vinto. Questa è l’ora delle tenebre. Prepariamoci alla persecuzione. Se c’è stata finora, figuriamoci cosa accadrà tra qualche tempo… Dobbiamo attrezzarci per resistere e contrattaccare.

Il popolo del Family day infatti non si arrende e non batte in ritirata. Sarebbe un errore gravissimo. Questo è il momento di guardare in faccia la realtà e di reagire. È il momento di fissare bene nella memoria i volti e i nomi di quanti hanno lavorato per distruggere l’Italia. È umano scoraggiarsi e persino pensare che forse loro hanno ragione. Ma è una tentazione da respingere. Guardate chi sono e cosa vogliono farci. Con questi ceffi nessuna mediazione e nessun dialogo è possibile. È molto chiaro chi ha ragione e chi ha torto, quali idee sono buone e quali cattive. E sappiamo pure che con il male non si può scendere a patti. O loro o noi: tertium non datur. Qui si lotta per la sopravvivenza: non c’è spazio per la pusillanimità.

Rimbocchiamoci le maniche e cerchiamo, tutti uniti, ogni strategia ed ogni mezzo per opporci a questa legge aberrante. Obiezione di coscienza, referendum, disobbedienza civile, convegni, articoli, libri, voto responsabile nelle consultazioni elettorali: ogni strada deve essere battuta.

Hanno infatti vinto una battaglia, seppur importante, ma non la guerra.

Noi siamo dunque chiamati alla Resistenza, come i membri dell’Amicizia Cristiana, fondata dal venerabile Pio Brunone Lanteri. E allora, coraggio, andiamo a combattere!

Federico Catani


DONA IL TUO IL 5×1000 A PROVITA! Compila il modulo 730, il CUD oppure il Modello Unico e nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale” indica il codice fiscale di ProVita94040860226. GRAZIE!

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

15 Commenti, RSS

  • Serena mor

    dice su:
    12/05/2016 alle 08:31

    “Eppure qui c’è in gioco il nostro futuro. C’è in gioco l’essenza stessa della nostra civiltà umana.
    L’11 maggio 2016 non lo ricorderemo come un giorno di festa, ma come un giorno di lutto e di catastrofe, così come è avvenuto per il divorzio e l’aborto”

    Tranquilli non cambierà niente a tutti gli etero, non cambierà nulla in Italia come non è cambiato nulla negli stati dove sono ammesse le unioni civili, sono ancora tutti vivi e vegeti, anzi.
    oggi 12/05/2016 nessun asteroide è arrivato sull’ Italia, la gente è tornata al lavoro normalmente. e oserei dire anche per le prossime settimane.

    • Teresa Moro

      dice su:
      12/05/2016 alle 10:03

      Gentile Serena, come si fa a dire che non cambierà nulla?
      Le faccio un esempio che banalizza di molto la questione (e me ne scuso), ma che forse può aiutare a capire.
      Se Lei va all’università, le serve il diploma di scuola superiore. Bene, domani fanno una legge che dice che si può accedere all’università anche con la licenza media. Secondo lei, seriamente, questo non provocherebbe qualche cambiamento?

      Con le unioni civili si attacca in maniera diretta la famiglia, che è una sola e si fonda sull’unione tra un uomo e una donna e apre alla generazione (non alla ‘costruzione’ o alla ‘compravendita’) di figli.
      Cercare di fare in modo che tutti siano uguali a DISPARITA’ di condizioni non Le pare profondamente scorretto e lesivo dei diritti di ognuno? Non vi è ingiustizia più grande che trattare situazioni diverse in maniera uguale.

      • Giangi Polo

        dice su:
        17/07/2016 alle 19:55

        Non vedo situazioni diverse… l’AMORE che si prova è uguale. DEVE essere trattato allo stesso modo.
        La sua vita non cambia di una virgola, se due uomini o due donne si amano e vogliono tutelare legalmente questo loro sentimento.

        E per quanto riguarda l’articolo… io farei una legge che proibisce di utilizzare le parole alla caz*o di cane… La dittatura è un’altra cosa. Siate seri.

        • Redazione

          dice su:
          18/07/2016 alle 08:28

          L’amore sarà uguale, forse. Ma ciò che ne consegue no. Una donna prima di fare all’amore col suo uomo non deve fare il clistere. E se due fanno figli e li allevano fanno un servizio alla società. Gli altri no.

  • Li Li

    dice su:
    12/05/2016 alle 08:57

    Ci aspettano tempi duri.
    Intanto sono curiosa di vedere nel resto d’Europa : come se la caveranno i gay di Londra con un sindaco musulmano che se approva le unioni va contro il corano?
    Tutto quello che accade nel resto d’Europa e America poi si ripercuote anche da noi.
    Un minuto di silenzio per la morte della costituzione Italiana (in cui non credo ).

  • Serena mor

    dice su:
    12/05/2016 alle 10:15

    il paragone con la scuola è totalmente scorretto perché in quel caso si tratta di un percorso di formazione elementari > medie > superiori > università, ora il paragone con la famiglia è fuori luogo perché per gli etero non cambia nulla si è solo estesa la possibilità anche ad altre persone.
    il matrimonio non prevede obbligatoriamente la generazione di figli quindi al momento del matrimonio le persone sono perfettamente uguali perché per assurdo si possono sposare anche due etero entrambi sterili, in questo caso le condizioni sono perfettamente uguali. o sbaglio?
    per rispondere a LI LI .. SI’ a Londra hanno un musulmano che approva le unioni civili. infatti ha avuto parecchie minacce dal mondo islamico radicale eppure lo stato è laico non ad appannaggio di una religione e la gente lo ha votato… che problemi ci sono? non ne vedo.

    • Federico Catani

      dice su:
      12/05/2016 alle 11:59

      Cara signora, le cose cambieranno eccome.
      Punto primo: vi ostinate a definire matrimonio e famiglia ciò che non lo è. E’ come se chiamassimo “coltello” una forchetta. Liberissimi di farlo, ma è palesemente sbagliato. Liberissimi anche di usare la forchetta come coltello, ma poi vi voglio vedere a tagliare una bistecca…
      Punto secondo: da oggi in poi, non solo di fatto, ma di diritto, la condotta omosessuale diventa una tra le tante, buona e bella. Ora, noi rispettiamo tutti, perché non andiamo a guardare cosa fanno sotto le lenzuola, ma non possiamo accettare la normalizzazione di un comportamento che normale non è. E questo lo dice la scienza vera, quella non manipolata dalle lobby LGBT.
      Punto terzo: a breve arriveranno le adozioni. Sicura che non cambierà nulla nella vita di una società?
      Mi fermo qui.
      Cari saluti.

      • Serena mor

        dice su:
        12/05/2016 alle 12:11

        cita ” E’ come se chiamassimo “coltello” una forchetta”, per me coltello e forchetta sono semplicemente posate, come uomo e donna sono semplicemente persone umane.
        punto due: già molto molto tempo fa l’ orientamento omosessuale è stato definito come una variante naturale, cosa che anche in natura e non in cattività esiste. ora se sei dice che c’è una scienza manipolata dalle lobby lgbt potrei dire che esiste quella manipolata dalla chiesa.
        punto tre: attualmente nei paesi dove questo è consentito non è cambiato nulla ovviamente come per etero e gay ci saranno sempre casi di figli che si lamentano ma ovviamente quelli gay fanno più rumore per quelli che vedono sempre il male in tutto.

  • marco secondo

    dice su:
    12/05/2016 alle 10:59

    Comunque un sentito grazie a papa Francesco che ha fatto pochissimo contro le nozze gay ! Da quest’ anno non daro’ piu’ il mio 8 xmille alla Chiesa Cattolica ! Per favore , non mi censurate !

  • Li Li

    dice su:
    12/05/2016 alle 11:42

    Cambierà eccome, Serena.
    Così come è accaduto in America. Ricordate la pasticceria che non ha voluto fare la torta per il “matrimonio” di due gay?
    Sono stati boicottati, tacciati di omofobia.
    Però se parliamo di eterofobia…. Quella non esiste! Tristezza.
    E i danni che sta facendo la neolingua?!
    Io agogno le ronde islamiche che facevano a Londra poco tempo fa : svegliare le coscienze non può fare altro che bene all’occidente.
    Il buonismo e la gaytudine insegnano fa ciò che vuoi (concetto satanista ), e a volte queste persone non hanno la testa per pensare che non tutto il mondo è paese, e ciò che fai qui non puoi in India, Medioriente (almeno non alla luce del sole) e altri paesi asiatici. E così finiscono in prigione per possesso di droghe o frustati per aver fumato canne in qualche luogo sacro.

  • Li Li

    dice su:
    12/05/2016 alle 17:17

    L’orientamento sessuale è un’invenzione di coloro che lavorano dietro le quinte per lo sfacelo del mondo, e questo lo vedono anche atei e gay cristiani.
    L’abbandono al sesso fatto come, dove e con chi era ed è anche thelema.

  • Marta Santacruz

    dice su:
    07/06/2016 alle 12:34

    Ma smettetela..MA QUALI LOBBY LGBT? se quella che ha sempre dettato legge nella cattolicissima/retrograda Italia è sempre stata la chiesa? i gay pagano le tasse, contribuiscono al bene comune, lavorano, respirano come tutti..ma non hanno gli stessi diritti di tutti? un solo concetto per spiegarvi quel è il vostro dovere invece: vi dovete fare i c…osiddetti vostri! non sono fatti vostri con chi va a letto la gente, ma come…nessuno riesce a fermare i pedofili (che, SVEGLIA! sono per lo più ETEROSESSUALI MASCHI),gli squallidi che vanno a puttane, i maschi che ammazzano le donne di continuo (vedi femminicidio), le coppie etero che divorziano con una frequenza altissima ormai, rovinando masse di figli innocenti, nessuno si preoccupa della “famiglia” classica che è una rovina come lo è stata per decine di generazioni passate, e vi andate a preoccupare di liberi cittadini adulti e vaccinati che una volta tenuto fede ai doveri vivono la propria vita privata, sessuale e sentimentale,liberi?

    • Federico Catani

      dice su:
      07/06/2016 alle 12:40

      Carissima signora, a parte i suoi sproloqui su famiglia, pedofilia, etc. (potremmo demolire tranquillamente ogni sua asserzione, ma il sottoscritto non ha tempo e pertanto la invita a leggere qualcosa dal sito), noi non ci preoccuperemmo più di tanto se due adulti maschi (o femmine) consenzienti facessero i loro comodi in camera da letto (o sul divano di casa, o in cucina o in albergo). Il vero problema è che sono le lobby e le associazioni che in teoria rappresentano questi adulti gay a voler imporre a tutti noi la loro “verità”. Il tono aggressivo da lei usato è in tal senso assai indicativo…

  • Marta Santacruz

    dice su:
    07/06/2016 alle 12:59

    Imporvi cosa mi scusi? ma chi vi impone nulla? e i miei toni sono stanchi di tante assurdità, siete voi che millantate una falsa moralità, vi sentite addirittura minacciati,sintomo di enorme insicurezza e infantilismo. Caro mio non siamo più nel medioevo, non siete protettori di alcuna “sacralità”,se non ce la fate andate via senza frenare la crescita di una civiltà già fanalino di coda nel mondo. E ho forti dubbi sulla sua ipotizzata capacità di confutare quel che ho prima accennato, mi creda…si astenga,fa più bella figura (faccio ricerca universitaria in aree antropologiche,ne so più di Lei).Abbandono questo postaccio ipocrita,ho la nausea,siete i primi squallidi, solo che fate le peggio cose di nascosto.Sono più “puri” tanti gay che voi offendete di continuo che voi che urlate tesi reazionarie e oscurantiste. Ripeto: i fatti vostri,non vi arrogate il diritto di privare altri esseri umani di una vita completa e di diritti che a voi son stati regalati. Addio.

    • Federico Catani

      dice su:
      07/06/2016 alle 17:42

      Addio signora cara e buona estate!
      Ah, continui a studiare, perché da quanto ho capito probabilmente finora di antropologia ha imparato ben poco.
      E sappia che non pubblicherò una sua eventuale risposta (magari ancora una volta offensiva). Non credo vi sia alcun problema, visto che ha promesso di lasciarci in pace. Ma nel caso fosse tentata, applicherò un sana censura (del resto voialtri tolleranti censurate chiunque non la pensi come voi).
      Ci comprenda, noi siamo medievali e dunque preferiamo ascoltare e leggere solo riflessioni ragionevoli e logiche.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati