Attendere prego

Home Page > Petizioni > Provvedimenti su bambini alle coppie gay: stop trascrizioni!
foto_bambini_barattolini_uteroinaffitto

Al Ministro dell’Interno Matteo Salvini

Con la presente petizione i firmatari chiedono al Ministro dell’interno Salvini di emanare urgentemente un provvedimento per impedire la trascrizione di atti di nascita di bambini come figli di due “papà” o due “mamme”.

Com’è noto, assistiamo da tempo al preoccupante fenomeno di tribunali o ufficiali di stato civile che accolgono la domanda da parte di coppie omosessuali di trascrivere (o iscrivere) l’atto di nascita di un bambino come se fosse figlio di “due papà” o di “due mamme”.

Questo fenomeno non solo contraddice la realtà delle cose (tutti i bambini hanno provengono da mamma e papà) ma è lesivo della legge e del diritto dei bambini (il diritto di avere una mamma e un papà).

Il Ministro Salvini ha più volte dichiarato con forza che l’utero in affitto è un abominio e che i bambini hanno bisogno di una mamma e di un papà. Perciò chiediamo al Ministro dell’Interno di prendere ora provvedimenti per fermare le trascrizioni.

Firma la petizione, compilando il modulo, per chiedere al Ministro dell’Interno Matteo Salvini di impedire una volte per tutte le trascrizioni di “figli” di coppie dello stesso sesso.

Queste trascrizioni presuppongono atti ingiusti compiuti all’estero: nel caso dei “due papà” ad esempio, una coppia di uomini ricorre all’utero in affitto all’estero, acquistando così un bambino e pretendendo di essere entrambi riconosciuti in Italia come veri genitori. Nel caso di “due mamme”, siamo di fronte a una compravendita di gameti umani per la fecondazione eterologa: un bambino viene fabbricato in laboratorio con gameti di un “venditore” e consapevolmente privato del proprio padre.

Questi orribili episodi – sempre più frequenti – devono cessare al più presto!

Tralasciando gli abusi di qualche tribunale, da parte delle più alte Corti sono arrivati segnali incoraggianti: Il 19 giugno la Corte costituzionale ha deciso che non è incostituzionale il divieto per le coppie omosessuali di ricorrere alla procreazione artificiale. L’8 maggio le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno deciso che «non può essere trascritto nei registri dello stato civile italiano il provvedimento di un giudice straniero con cui è stato accertato il rapporto di filiazione tra un minore nato all’estero mediante il ricorso alla maternità surrogata e un soggetto che non abbia con lo stesso alcun rapporto biologico, il cosiddetto genitore d’intenzione».

I bambini non possono essere sfruttati come un oggetto dei desideri! Abbiamo visto, con lo scandalo di Bibbiano, l’ossessione di avere un figlio a tutti i costi in cosa può degenerare.

Chiediamo che il ministro impedisca quelle trascrizioni con provvedimenti forti e chiari. Bisogna riaffermare chiaramente il diritto dei bambini ad una mamma e un papà.

Firma la petizione, compilando il modulo, per chiedere al Ministro dell’Interno Matteo Salvini di impedire una volte per tutte le trascrizioni di “figli” di coppie dello stesso sesso.

Questa iniziativa rappresenta un passo importantissimo nella battaglia portata avanti da anni da parte di tutti i pro vita e famiglia: ti invito non solo a firmare la petizione, ma anche a condividerla con parenti, amici e conoscenti!

 

Sostieni Pro Vita