Attendere prego

Home Page > Gender > Orgoglio LGBT: il gusto della blasfemia
oche_lgbt

Cosa ci sarà di gustoso per gli attivisti LGBT nello sfoggiare a ogni piè sospinto le loro inclinazioni alla blasfemia?

Siamo costretti, ancora una volta, a constatare che la bestemmia va spesso a braccetto con l’omosessualismo (e l’abortismo, e le altre manifestazioni della cultura della morte ispirata anche all’ideologia gender).

Gli LGBT ne fanno addirittura un simbolo del loro “pride”, del loro orgoglio.

Perugia_pride_ LGBTSono orgogliosi, almeno in quel di Perugia, di usare una locandina con un’immagine di donna in trasparenza che rievoca la Vergine Santissima, con il cuore in mano, tutta truccata e ingioiellata… Sono orgogliosi di offendere. Ma chi offendono in verità? Le volgarità sporcano chi le fa e chi le dice, piuttosto che quelli a cui sono dirette. E questo, che vale tra esseri umani, vale ancor di più nei confronti di Dio, della Madonna e dei Santi.

«Si scrive laico, si legge libero», scrivono sul manifesto dell’orgoglio LGBT: libero da cosa?

Liberi di bestemmiare? Sì: in questo mondo secolarizzato non solo si è liberi, ma si è quasi in dovere di essere blasfemi e di insultare a ogni piè sospinto le Cose Sacre. Va di moda, fa tendenza. Ma è davvero una libertà?

Liberi anche di frequentare i festini e le orge in uso agli ambienti LGBT (e non solo)? Prego, s’accomodassero: ma è libertà, anche quella?

Schiavi del sesso e delle pulsioni, quelli che si rotolano nel fango della perversione (anche gli etero, sia ben chiaro) non sono affatto liberi e, purtroppo per loro, non sono neanche felici. Per niente. Anzi.

E siccome nello stile di vita LGBT non c’è felicità, cercano un capro espiatorio cui dare la colpa dell’inferno nel quale si sono buttati da se stessi, e con tutte le scarpe: se la prendono con l’omofobia (l’hanno inventata appositamente) e se la prendono con le cose belle e pure, come le Cose Sacre: ma non sanno che cosa accade a chi cerca di sputare in cielo?

Sembrano quei ragazzini che invece di dire «Evviva la Lazio», dicono solo «Abbasso la Roma» (o viceversa, ovviamente): è perché la loro squadra non dà loro soddisfazione e godono solo nell’insultare l’altra.

Poveracci.

Francesca Romana Poleggi

PS: Pare che le proteste sollevatesi intorno a tale volantino abbiano indotto il Comune a ingiungere al Pride di rimuovere la locandina blasfema.


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR

Sostieni Pro Vita
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Mario ProVita

    dice su:
    16/06/2017 alle 19:39

    Non solo tale movimento ideologicamente sessuale non è affatto un piacere e né crea felicità… ma è un qualcosa che non esiste e non può neanche essere espresso in fatti! Sono “orgogliosi” di cosa? Di “avere” un gusto che può essere manipolato facilmente e quindi essere cancellato come se fosse un file da buttare nel cestino?

    Si può pensare all’inizio che c’è una ragione ben precisa dietro a questi attacchi… ma io penso proprio che questo sia ciò che tale movimento ideologicamente sessuale sia in parole povere: aggressivi animali che vogliono attaccare tutto e tutti, persino loro stessi.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati