Attendere prego

Home Page > Aborto > Un padre racconta l’esperienza traumatica dell’aborto
padre, aborto, discriminazione

Riportiamo ampi stralci della testimonianza di un uomo, un padre, che, dalla legge italiana, la 194,  è stato privato della gioia più grande, quella di vedere suo figlio venire alla luce

 “Io ho cercato di parlare. Prima con l’Amore, poi con le lacrime, alla fine anche con la rabbia derivante dalla disperazione”. “E io non capivo come fosse possibile che tante persone che non c’entravano niente si sentissero in diritto di fare del male a mio figlio, e il padre, l’unico veramente in diritto di poter parlare venisse considerato “nessuno”. Anzi, “privo di ogni sensibilità”. Mi sentivo solo, contro tutti”.

“Mio figlio è morto perché la sua mamma  non ha trovato nessuna persona che le parlasse dell’Amore vero, della magnificenza dell’Amore di Dio: c’ero io da una parte, e dall’altra una serie di persone che la circuivano per ingannarla. E le loro bugie hanno pesato di più, rovinando 3 vite con un solo gesto”. A un certo punto lei non è stata “più in grado di intendere e volere”, dice Giuliano. E una mattina, alla fine, il bambino è andato a morire, accompagnato “amorevolmente” per mano di sua nonna e di sua zia. “Da gioviale che ero, sono diventato triste” prosegue Giuliano. “Mi sentivo svuotato, vedevo che il mondo continuava a vivere come se niente fosse successo, mentre per me TUTTO era successo.
Tutte le cose a cui tenevo avevano d’un tratto perso di valore, tutto mi sembrava insignificante e inutile.padre_trauma post aborto_legge 194

E la cosa più schifosa, secondo me, è che di tutto il male che la 194 provoca non ne ho mai sentito parlare nessuno… Dove sono tutti quelli che queste morti le subiscono? Stanno zitti, tutti quanti? E’ proprio vero che il mondo resta brutto non per colpa di quelli che operano il male, ma per colpa di quelli che al male non si oppongono con decisione. Per colpa di quelli che tacciono, e non si schierano. Di quelli che soffrono in silenzio, e non condividono.
Nei miei viaggi ho visto bambini mutilati, bambini ciechi, bambini dall’infanzia negata, bambini che chiamarli poveri è un eufemismo, bambini violentati, bambini ammalati allo stadio terminale.
Ma erano tutti bambini VIVI, e felici di esserlo. Allora ho capito che i più poveri tra i poveri non sono nel terzo mondo, ma sono proprio in mezzo a noi.
Chi ha il cuore più povero di una mamma che uccide il proprio figlio, senza neanche guardarlo in faccia?
Chi è più povero di chi si adopera per spegnere la luce che Cristo ha acceso negli occhi delle persone belle?
Chi è più povero di un medico che prende dei soldi per succhiare le vite dalle pance altrui?
E chi è più povero di una Società che legalizza tutto quest’orrore? Chi è che oggi bussa alla mia porta per curare la brutta depressione che mi ha preso? Chi si sta preoccupando del recupero del senso di autostima della mamma del mio bimbo?”

Concludiamo facendo nostro l’appello che Giuliano rivolge a tutti i suoi lettori: “Forse questo dolore mi è stato affidato perché venga messo a frutto, e allora vi prego di considerare queste mie esperienze. Parlare di mio figlio, o sapere che c’è gente che lo fa, mi fa molto bene, perché se se ne parla significa che non è morto, o che non è morto invano!

Pregate tanto per tutti i bimbi che, ogni giorno, non riescono a nascere.”

Redazione

Tratto da Notizie ProVita, gennaio 2013


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR


Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati