Attendere prego

Home Page > Fine Vita > Alfie, come Charlie: un’altra vittima dell’eugenetica?
alfie_charlie

Un’altra famiglia nel Regno Unito sta vivendo la stessa angoscia della famiglia di Charlie Gard.

Il Daily Mirror dice che il piccolo Alfie Evans, di 14 mesi, in cura presso l’Alder Hey Children’s Hospital, a Liverpool,  soffre di un’infezione misteriosa di cui non si è scoperta la causa e che l’ha fatto cadere in coma.  Alfie è  incosciente  da dicembre scorso e soffre di convulsioni epilettiche.

Alfie, prima di cadere in coma

Alfie

La famiglia ritiene che, visto che i medici della struttura non sono stati in grado di capire l’origine del male, il bambino potrebbe essere trasferito altrove (all’estero) per trovare una  risposta e una cura. Pare che ci siano almeno 6 ospedali americani disposti a ricoverare Alfie. In particolare uno di Miami.

Alfie_Charlie_padre

Anche in questo, come nel caso di Charlie, la vita di un bambino sembra essere stata dichiarata inutile, non degna d’essere vissuta. E in questo caso non si sa neanche che malattia ha.

Il “nostro” Charlie ha scoperchiato un orribile vaso di Pandora: avevamo già scritto che ci sono altri bambini che rischiano di finire – o finiscono –  allo stesso modo di Charlie: vittime uccise dalla cultura eutanasica ed eugenetica che si è andata diffondendo nella nostra “civiltà”.

Noi non possiamo restare indifferenti.

La nostra coscienza ci impone di reagire, di gridare, che questa tendenza mortifera deve essere invertita.

Se restiamo indifferenti ne diveniamo responsabili. 

Redazione

Fonte: LifeSiteNews

Foto: Facebook, Alfie’s Army


AGISCI ANCHE TU, FIRMA LA NOSTRA PETIZIONE: NO all’eutanasia! NO alle DAT!

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

5 Commenti, RSS

  • Laura Zurzolo

    dice su:
    01/08/2017 alle 15:21

    siamo tutti nelle mani del Signore

  • sara bi

    dice su:
    01/08/2017 alle 20:11

    Mi sembra di rivedere Charlie…che incubo.
    Credo non ci sia piu’ grande vigliaccheria che uccidere un bimbo indifeso,inerme e malato.
    Mi vergogno di far parte di questo secolo…

  • Lara Gallina

    dice su:
    03/08/2017 alle 23:20

    Mi addolora la superbia e l’arroganza di molti uomini che si mettono al posto di Dio decidendo loro quando la vita deve iniziare e finire. Non sapremo mai quanto amore poteva essere scambiato ancora tra Charlie e i suoi genitori nel tempo che avrebbe avuto ancora da vivere. Non sapremo mai neanche quanto bene questo avrebbe potuto portare al mondo, quale mistero di salvezza poteva essere racchiuso in quel tempo che gli è stato negato. Per chi è cristiano cattolico è l’Amore il principio, la meta, il senso della vita…e ogni sprazzo di vita ha un valore infinito…

  • marco alladio

    dice su:
    10/08/2017 alle 17:48

    Come posso far pervenire un piccolo aiuto economico ad Alfie ?

    • Redazione

      dice su:
      11/08/2017 alle 06:57

      C’è una pagina Facebook, Alfie’s army…

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati