Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > Non vogliamo che le organizzazioni LGBT educhino i nostri figli
Giovanardi_sei_come_sei_Mazzucco_gay_porno_scuole_sesso

Un’agenzia ANSA del 1 dicembre, [BSA 01-DIC-14 21:36 NNNN] ci informa della veemente protesta del senatore Giovanardi a causa dell’ennesimo corso educativo che il MIUR affida esclusivamente alle associazioni LGBT.

Carlo Giovanardi: “La Costituzione italiana assegna chiaramente ai genitori il diritto dovere di educare i figli. Il ministro Giannini dovrebbe spiegarci come sia possibile che a pagina 2 del materiale sulla omofobia distribuito al seminario della scorsa settimana riservato ai vertici nazionali e regionali del ministero della Pubblica Istruzione si legga che: “Importante è la valorizzazione dell’expertise delle associazioni LGBT in merito alla formazione e sensibilizzazione dei docenti, degli studenti e delle famiglie, per potersi avvalere delle loro conoscenze e per rafforzare il legame con le reti locali. La consultazione delle associazioni LGBT, così come avviene per il tema del contrasto della violenza sulle donne, è determinante per agire nelle scuole”. Riteniamo pertanto intollerabile che gli interventi contro la discriminazione dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere venga appaltata nella scuola pubblica ad organizzazioni
di parte che hanno come scopo quello di propagandare e diffondere i loro orientamenti”.

Qui potete leggere il Documento del MIUR con il progetto “educativo” di cui si parla nell’articolo.

Questo invece è l’accordo del Comune di Torino con le associazioni LGBT che le  predilege per  formare i giovani nelle scuole.

Redazione

Sostieni Pro Vita

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Lettore/ice852

    dice su:
    03/12/2014 alle 15:54

    Invito tutti i presidi e professori ad informare in maniera dettagliata i genitori su queste “direttive”.

    Credo sia un dovere farlo.
    Al giorno d’oggi, temo però che chi lo farà verrà richiamato. Della serie: “Non disturbare il macchinista”.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati