Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > Utero in affitto, Brandi e Coghe contro Cirinnà: «Fa la poliziotta MinCulPop Lgbt contro i bambini»
cirinnà_utero_in_affitto

Utero in affitto, Associazioni Family Day contro Cirinnà: “Fa la poliziotta del MinCulPop Lgbt contro i bambini’

ROMA – 15 ottobre 2018

utero_in_affittoAncora manifesti contro diritti delle persone. Lo sa @virginiaraggi che esiste il codice etico di #RomaCapitale?” La senatrice dem Monica Cirinnà ha commentato, con una domanda retorica e provocatoria, la campagna choc di Pro Vita  e Generazione Famiglia “Due uomini non fanno una madre. #StopUteroinAffitto” dove su camion vela e su manifesti appaiono due giovani ragazzi presentati “genitore 1” e “genitore 2” e raffigurati mentre spingono un carrello con dentro un bambino disperato.

“Li faccia rimuovere subito e faccia una telefonata a @c_appendino – ha proseguito Cirinnà – per farsi spiegare cosa deve fare un sindaco contro le discriminazioni” attaccando il sindaco di Roma e sollecitando la rimozione.

I presidenti delle due associazioni del family Day, Toni Brandi e Jacopo Coghe, replicano ora alla senatrice: “Cirinnà si permette di ordinare la rimozione di manifesti affissi nel totale rispetto della legge, e lo fa auto-attribuendosi un ruolo di poliziotta del MinCulPop Lgbt contro i bambini”. Noi, “a differenza di altre campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica a firma Lgbt, mostriamo solo la verità dei fatti”.

Concludono Brandi e Coghe: “E poi la senatrice ha sbagliato valutazione: la nostra campagna è per i diritti dei bambini che non hanno voce, non contro i diritti di qualcuno”.

Lo rendono noto l’ufficio stampa di ProVita Onlus e Generazione Famiglia

 

Ufficio Stampa ProVita Onlus
Tel.: 3288659486
Mail: ufficiostampa@provitaonlus.org
@ProVita_Tweet
Sito: www.notizieprovita.it

Ufficio Stampa / Generazione Famiglia
Mail: press@generazionefamiglia.it
Tel: 3290804264
Sito: www.generazionefamiglia.it

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 4,20 out of 5)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Marco provita

    dice su:
    16/10/2018 alle 15:52

    A parte che, personalmente, sarò sempre contrario alle politiche e tesi che tentino di vendere, comprare, barattare o regalare una persona. Mi sorprende che non siamo tutti d’accordo su questo tema. Mi sembra proprio l’abc del vivere civile.

    Detto ciò, la cosa più “sbalorditiva” è che, di solito, ci si dovrebbe scandalizzare per le campagne pubblicitarie che incentivano a commettere i reati. Non l’opposto.
    Ad oggi, in Italia l’utero in affitto è reato. Fa riflettere che ci si scandalizzi per una campagna pubblicitaria che condanna un comportamento delittuoso. Sarebbe come se domani ci si dichiarasse scandalizzati perchè un’associazione per la lotta alla droga fa un cartellone contro le canne.
    PS: speriamo che si legiferi presto in materia e l’utero in affitto venga dichiarato reato universale.

  • Anna Divan

    dice su:
    16/10/2018 alle 20:35

    Grazie, grazie e..avanti tutta. Sono con voi

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati