Attendere prego

Home Page > Filosofia e morale > Transumanesimo: l’approdo ultimo dell’ideologia gender
umanesimo_transumanesimo_testa

Non tutti sanno che cosa sia il transumanesimo.

Il New York Times  ha recentemente pubblicato la storia di Kim Suozzi, morta a 23 anni per un tumore, che ha pagato 80.000 dollari alla società Alcor, a Scottsdale, in Arizona, per farsi congelare la testa (per congelare il corpo intero servono 200.000).

La povera Kim confidava nella ricerca sull’intelligenza artificiale. Sperava che al tempo opportuno la sua testa possa essere scongelata per inserire la sua memoria, il suo cervello, in un computer.

Ecco  cosa è il transumanesimo.

L’ipotetica copia digitale del cervello umano che si immagina nel futuro di poter creare si chiama ‘connectome’. Il problema è che si calcola che la capacità di memoria sia di 1,3 miliardi di terabytes, non comodi da portare in una pen-drive: infatti dicono che l’intera capacità di memoria di tutti gli harddrive del mondo è di circa 2,6 miliardi di terabytes (non mi chiedete come l’hanno calcolata…).

La povera Kim sarà morta sperando: forse per questo gli 80.000 non sono del tutto buttati.

Ma che dire di  quelli che hanno lucrato così tanto sulle sue assurde illusioni?

Eppure il transumanesimo si fa strada, in una società liquida e relativista come la nostra.

Del resto il Cardinale Bagnasco tempo fa ha detto che “[…] il gender edifica un ‘transumano’ in cui l’uomo appare come un nomade privo di meta e a corto di identità”.

Matteo Carletti, su Libertà e Persona, ci fa  riflettere: intanto, però, la Federazione Italiana Sessuologia Scientifica, in linea con l’ufficio regionale per l’Europa dell’OMS, ha pubblicato un libello nel quale – oltre alle già note teorie circa la sessualizzazione precoce dei bambini – si parla di “pianificazione familiare in armonia con quella lavorativa”, e quindi dell’utilizzo della genetica per fare bambini su misura. Esattamente quanto temeva il Cardinal Bagnasco: fabbricare la vita ‘su misura’. Ma va oltre: non solo dobbiamo fabbricare la vita dei nostri figli, ma anche e soprattutto la nostra.

E questo è un pensiero transumanista, spiega Carletti, l’uomo diventa capace non solo di autodeterminarsi, ma di poter decidere come e fino a quanto vivere. Un manifesto del transumanesimo è la Lettera a Madre Natura di Max More. Secondo i filosofi e gli scienziati transumanisti, l’uomo deve completare in un certo senso l’evoluzione (il darwinismo di fondo ci sta tutto) e  deve preoccuparsi da sé di cambiare. “In un crescendo di fusione fra corpo, macchine e biotecnologia sarà possibile fabbricare una nuova forma di vita che supererà le abilità percettive di ogni altra creatura“.

Recita il 5° emendamento della Lettera: “Non saremo più schiavi dei nostri geni. Ci assumeremo la responsabilità dei nostri programmi genetici e otterremo il totale controllo dei nostri processi biologici e neurologici. Porremo rimedio a tutti i difetti individuali e della specie lasciatici in eredità della nostra storia evolutiva. Ma non ci fermeremo qui: potremo scegliere sia la forma del nostro corpo che le sue funzioni, raffinando ed aumentando le nostre abilità fisiche ed intellettuali, fino a livelli mai raggiunti da nessun altro essere umano nella storia”.

L’uomo utilizza la propria ragione – conclude Carletti – non più per riconoscere ciò che la natura gli mostra e che egli deve accogliere, ma come potere fabbricante la propria persona e, conseguentemente, la propria realtà. Quest’ultima, proprio perché partorita dalla mente e dalle mani dell’uomo attraverso l’uso della sua ragione diventa, a pieno titolo, ‘naturale, ovvero frutto dell’evoluzione della natura. È in questo slancio prometeico che va quindi inquadrata non solo la così detta ideologia gender, ma il desiderio radicale dell’uomo di autodeterminarsi.

“Invece di impiegare le nostre nuove possibilità genetiche per raddrizzare il ‘legno storto dell’umanità’, dovremmo fare il possibile per creare assetti sociali e politici più accoglienti nei confronti dei doni, e dei limiti, di noi imperfetti esseri umani” (M. J. Sandel, Contro la perfezione, 2007).

Redazione

Fonti: Bioedge.org  e Libertà e persona 

DIFENDIAMO I BAMBINI E LA FAMIGLIA DALLA LEGGE CIRINNA’

 

Firma anche tu!

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

8 Commenti, RSS

  • giulia giulia

    dice su:
    21/09/2015 alle 20:54

    Ce l’avete presente l’era di Skynet di Terminator?! l’era in cui le macchine si rivolteranno contro gli umani? beh a me sembra proprio che ci siamo arrivati… ma non vedo John Connor in giro in nostro aiuto…che robe!

  • Stefano Vaj

    dice su:
    22/09/2015 alle 16:39

    Giulia Giulia, ammesso che lo scenario “Terminator” sia verosimile – la storia normalmente vede gruppi eterogenei di uomini, donne, macchine, dèi ed animali schierati contro gruppi di composizione analoga – ricordami un secondo perché mai dovremmo fare il tifo a priori per gli “umani”?

  • Tommaso Tosi

    dice su:
    22/09/2015 alle 18:26

    D’altronde non è un caso che chi – si spera almeno per ideologia e non per ignoranza sul tema – tiene a promuovere l’esistenza della cosiddetta “teoria gender”, che scientificamente nel senso rigoroso di teoria non esiste proprio, sia anche anti-progressista, anti-razionalista, conservatore sia in senso religioso che in senso politico, e anche avverso al transumanesimo: è una questione di definizioni.
    Non si capisce però perché un’associazione che voglia promuovere i valori della vita debba presentare una visione estremamente fuorviante di una realtà ormai in continua crescita quale il transumanesimo, che proprio in quanto filosofia razionale volta al superamento dei vincoli evoluzionistici e al miglioramento universale delle condizioni dell’umanità non appoggia certo il darwinismo né il relativismo.
    Spiacevole che non sia data possibilità di contraddittorio, visto che tutti i transumanisti italiani hanno storto il naso di fronte a questa ideologica distorsione.

    • Federico Catani

      dice su:
      22/09/2015 alle 20:10

      Guarda con simpatia al transumanesimo? Contento lei…
      D’istinto mi viene alla mente un mito pagano (non una favoletta della Bibbia): quello di Prometeo. Ricorda che fine fece e perché?

  • Stefano Vaj

    dice su:
    23/09/2015 alle 12:03

    Certo che lo ricordo. Noi transumanisti in effetti siamo *dichiaratamente* prometeici, faustiani, etc.. Prometeo ha fatto una brutta fine (almeno sino alla sua liberazione da parte di Eracle)? Perché, di solito gli eroi che fine fanno? E anche l’avatar terreno del Dio cristiano mi pare che qualche problema l’abbia avuto, o sbaglio? 😀

  • Stefano Vaj

    dice su:
    23/09/2015 alle 12:36

    Ah, e a onor del vero: io SONO darwinista (l'”evoluzione autodiretta” significa semplicemente che la selezione si sposta sui modi, auspicabilmente plurali, in cui decideremo di modificarci) e relativista – nel senso che non credo minimamente che esistano valori universali derivabili da qualche legge naturale o divina. Ma come si vede, non è neppure necessario condividere queste cose per avere una posizione filo-tecnologica ed anti-Luddita…

  • ANTONIO BARIO

    dice su:
    24/09/2015 alle 13:10

    ACCIDENTI ALLA LEGGE BASAGLIA ED AI BASAGLIANI

  • mariagrazia mariagrazia

    dice su:
    26/09/2015 alle 11:43

    ma non basta vivere la propria vita terrena al meglio, con dignità e comportandosi secondo coscienza,e morire in pace lasciando a qualcuno un buon ricordo di noi?perchè dobbiamo ostinarci a “autodeterminarci”? se va bene campiamo fino a 100 anni, qualcuno anche a 104-105, qualcuno anche più in la magari, ma alla fine campiamo su un pianeta che ha milioni e milioni di anni, è in continua evoluzione(anche in senso negativo ma per colpa nostra..) e basta una alluvione(quindi una causa naturale) per farci fuori in un secondo.. cosa siamo allora rispetto a tutto quanto?possiamo giocare a far finta di essere grandi e di potere tutto ma certe cose non sono determinate da noi, e la storia di milioni di anni(non miti, favole o religioni) ce lo insegna

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati